Pubblicato in: scrittura creativa

E ora? Progettiamo la storia.

Ora che abbiamo conosciuto le tre armi importanti per imparare a giocare con le parole che ne dite di incominciare a metterle in pratica?

Se avete avuto modo di fare un po’ di esperienza con i tre articoli precedenti avrete già incontrato un sacco di idee che potranno evolvere nel vostro best seller.

Sapete lo scrittore, anzi qualunque artista in realtà, è dotato di antenne radar che captano tutti i vari messaggi dell’universo. Per me che sono ancora un’apprendista artista le mie antenne riescono a percepire solo messaggi di pochi metri ma comunque non mi arrendo, la pratica e la testardaggine di farcela mi aiuteranno ad evolvermi e sono sicuro che riuscirete anche voi.

Torniamo a noi.

Abbiamo sperimentato la tecnica di osservare, questo ha sviluppato un tantino le nostre antenne e le idee si staranno prendendo a gomitate per essere scelte come l’origine della trama del nostro bel libro.

Prima domanda da porsi: «Quale messaggio voglio trasmettere?»

Con il rispondere a questa domanda iniziamo una bella scrematura di tutte le idee che affollano la nostra povera scatola cranica.

Ah, vi sentite un pochino più liberi? Ottimo, ora possiamo concentrarci su qual è il centro del nostro scritto. Vogliamo trasmettere riflessione su un dato problema? Su un’emozione che ci coinvolge? Su un insegnamento da guru? Avete tutto il tempo che volete, certo vi ricordo che di vita terrena ne abbiamo solo una, almeno secondo il mio credo.

Avete risposto?

Fermi, fermi non è giunto ancora il momento di fiondarci a capofitto sul foglio. Ora rispondiamo alla seconda domanda: «In che modo trasmettiamo il messaggio?»

E qui facciamo un’altra scrematura più profonda. È importante infatti capire come vogliamo trasmettere al lettore la nostra idea di partenza. Vogliamo che rifletta sulle ingiustizie del mondo son un sorriso stampato in faccia o siamo più portati a trasmettere la gioia della vita con una bella dose di pessimismo? Avete tre strumenti importanti che vi ho spiegato negli altri articoli, usateli.

Non ditemi che vi ho messo in crisi!

E allora facciamo una bella cosa vi lascio con un esercizietto che vi aiuterà a superare l’ostacolo, pronti?

  1. Punto della situazione: costruiamo attorno al tema principale un bel recinto in modo che altre idee non possano entrare ma sopratutto che il tema non possa uscire … (vi ricordate la prof d’italiano quando vi consegnava la prova con scritto, ahimé, fuori tema!)

  2. La coerenza: fate in modo che tutti gli elementi che volete sviluppare siano collocati e abbiano uno specifico significato nella storia. Ah, lo so bene, è un lavoraccio! Ma non penserete mica che al Michelangelo il David gli sia uscito da uno starnuto, vero?

  3. Documentazione: che sia di fantasia o iper realista, bisogna studiare su libri e libri l’argomento che vogliamo trattare. Il lettore non vuole mai essere preso in giro, perciò del tema trattato dobbiamo diventarne esperti. Quando ho scritto “Non sono solo zanzare” mi sono documentato su tutto ciò che ruotava attorno al mondo delle zanzare… ops voi ancora non sapete che sta uscendo il mio libercolo? Oddio non ditelo a nessuno è una sorpresa!

  4. È meglio poco ma buono che tanto ma pasticciato. Del resto, tra un piatto iper sviluppato con tecniche sopraffine mescolando lardo di colonnata e merluzzo del mediterraneo, e un piatto semplice di spaghetti all’olio e peperoncino quale dei due vi ispira? Ehi, attenti, ricordatevi che il genio non compare quasi mai da una botta di fortuna, ma dopo anni e anni di prove e controprove!

Detto ciò, divertitevi!

© 2017 Paolo Bua Coron

Autore:

Mi ritengo un sarto musicofilo scrittore ma nella realtà mi diletto con ago e filo, strimpello il basso elettrico e scrivo di tutto ciò che la fantasia mi suggerisce.

3 pensieri riguardo “E ora? Progettiamo la storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...