Pubblicato in: Non sono solo zanzare!, scrittura creativa

Titolo e … fattore c

oscar scrivere

Ora il tutto era pronto, il manoscritto era finito nel vero senso della parola. Mancava giusto una cosetta di marginale importanza: il titolo.

Sì, non ci crederete ma mi ero dimenticato il titolo. Non avevo idea di come intitolarlo anche perché non è che era un racconto tanto facile da inquadrare. Del resto il mio editore ha detto che l’ha pubblicato proprio perché era un racconto originale, non convenzionale come potete leggere nell’intervista che mi ha dedicato.

Dunque parliamo un secondo del titolo. Per prima cosa doveva essere d’effetto, prendere subito l’attenzione del futuro lettore. Doveva si parlare di zanzare ma allo stesso tempo mostrare che queste fameliche amiche erano viste con occhi diversi dall’autore. Quindi dopo varie prove sono giunto alla conclusione di intitolare il romanzo con una bella frase esclamativa: Non sono solo zanzare! Che effetto vi fa questo titolo? Secondo voi sono riuscito nell’impresa di suscitare curiosità?

Volente o nolente il titolo ormai era segnato, ora mancava a chi farlo leggere. Come avete letto la settimana scorsa ho incominciato a cercare un editore e allo stesso tempo spulciavo nei vari siti di concorsi letterari quello più congeniale per la mia storia. Sapete concorsi ce ne sono in tutta Italia, ma alla fine ho dovuto focalizzarmi solo su quelli attorno al mio territorio, del resto mi sono detto, se vinco un concorso a Napoli poi come faccio a ritirare il premio visto che permessi lavorativi all’epoca non me ne davano? Alla fine gira che ti rigira trovo il premio “Prunola” di Castelfranco Veneto: primo premio pubblicazione libro con la Panda Edizioni. Ottimo mi pare che ci siamo mi son detto. Mentre curiosavo nel sito della casa editrice mi convincevo sempre di più che quello era sia il concorso giusto sia la casa editrice che avrebbe potuto pubblicare tranquillamente il mio caro scritto.

Il premio Prunola per chi non lo sapesse è uno dei concorsi ideati per cercare ogni anno nuovi talenti. Perciò un suggerimento spassionato che dono volentieri a tutti i futuri colleghi scrittori è di fare un salto al bando guardare attentamente il regolamento e iniziare già adesso una bella trama per partecipare a questo concorso… così vedremo se i miei consigli sono stati utili!

Ora vi starete chiedendo: «Ma allora la tua avventura inizia vincendo il premio Prunola?»

Mi spiace deludervi ma in realtà quell’anno il vincitore è stato un altro scrittore, poco male, infatti l’editore finito il concorso mi scrisse: “… per quanto non ha vinto il concorso, io vorrei proporle lo stesso la pubblicazione della sua opera, in quanto meritevole di essere pubblicata…” come vedete la vittoria è arrivata comunque … sì lo so, il fattore “C” è sempre importante in questi casi.

Mi ricordo ancora l’emozione nel tenere in mano la mia prima copia di un contratto editoriale. Vi auguro di cuore che un giorno possiate anche voi sperimentare questa emozione!!

Ora il gioco era fatto, dovevo solo fare ulteriori tagli, ulteriori modifiche ma grosso modo il primo scoglio, la pubblicazione con editore serio, era stato superato.

La prossima settimana vedremo cosa succede e quali passi dovrà compiere il nostro speranzoso scrittore.

© 2017 Paolo Bua Corona

Autore:

Mi ritengo un sarto musicofilo scrittore ma nella realtà mi diletto con ago e filo, strimpello il basso elettrico e scrivo di tutto ciò che la fantasia mi suggerisce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...