Pubblicato in: Scrivere per il Web

Ci viene in aiuto Cheope

la piramide rovesciata

Rieccoci qui, ad affrontare come scrivere un buon testo sul web. Dunque per prima cosa vi avviso che la foto è stata messa all’incontrario apposta proprio perché oggi parliamo della “Piramide Rovesciata

Cos’è questa famosa piramide? (quella in foto è la famosa piramide di Cheope, ndr.) È un sistema che posta le informazioni principali subito nelle prime righe dell’articolo, ovviamente in base all’articolo che stiamo scrivendo; in un racconto sarà difficile che vi inserisca subito la parte principale della trama, no?

Questo sistema lo si usa sopratutto nel giornalismo dove, ai bravi neofiti, gli si chiede di rispondere alle 5 W: Who? What? When? Where? Why? Le risposte devono far capire subito al lettore di cosa troverà nell’articolo.

Ma perché una piramide?

Perché avremo in cima le informazioni principali, poi le informazioni importanti, poi metteremo informazioni utili ma non essenziali e infine tutte le info di contorno.

Vi ricordate come leggono gli utenti, no? Ecco il perché della piramide. Se il lettore alle prime righe capisce di cosa tratta l’articolo e magari è proprio quello che sta cercando, facilmente leggerà tutto il vostro lavoro, magari cliccando qualche link per strada, per avere maggiori dettagli.

Il paragrafo

Ricordatevi che scrivere è una passione, e come tale va fatta con … passione! Quando scrivete un articolo per il web provate a formularlo in paragrafi e ogni paragrafo sia composto con il modello della piramide rovesciata. Esso deve contenere al suo interno un tema ben preciso quasi da essere completamente autosufficiente con il paragrafo successivo. Questo permetterà al lettore di individuare subito cosa gli interessa “scorrendo con lo sguardo” i vari moduli che compongono l’articolo. Ogni paragrafo verrà distanziato dall’altro con un bello spazio.

Provare per credere

Se incomincerete a scrivere con questo modello avrete due vantaggi sicuri: in primo luogo riuscirete a creare un articolo ben ordinato fornendo una mappa concettuale che permetterà di orientare il vostro futuro lettore nelle parti successive del testo; in secondo, sarete in grado a rafforzare la vostra capacità di sintesi e di organizzazione mentale, vi pare poco? Provate a immaginare di applicarlo nello studio delle presentazioni del libro o nella preparazione di un esame o in un colloquio di lavoro …

© 2017 Paolo Bua Corona

Autore:

Credo che la fantasia sia uno strumento potentissimo per poter colorare la vita di tutti i giorni. Attualmente sono un copywriter, un blogger, un social media specialist, un collaboratore per alcuni giornali on line ma sopratutto sono un tizio a cui piace scrivere e provare meraviglia di tutto ciò che lo circonda, lasciando sempre spazio per un sorriso.

Rispondi