i termini inglesi

Nel mio lavoro di copywriter, mi capita spesso di confrontarmi con “colleghi” che iniziano dei monologhi assurdi su argomenti inerenti al web marketing.

«Certo, io uso tool che mi permettono di creare un knowledge tramite meeting che svolgo con skipe con il mio futuro customer…» Traduzione: “Certo io uso strumenti che mi permettono di creare una conoscenza tramite l’incontro che svolgo con skipe con il mio futuro cliente”. Come vedete l’unica parola inglese che non è cambiata è skipe tutte le altre potevano benissimo essere enunciate in italiano, vediamo di capirci.

L’uso dell’inglese

Sottinteso che scriviamo per farci capire, capita per necessità di dover inserire dei termini in inglese quando:

  • non esiste una traduzione in italiano, quindi si colma una lacuna lessicale

  • si parla di termini tecnici relativi all’informatica

  • risulta più precisa ed efficace rispetto al suo significato in italiano.

Ecco un esempio: io come lavoro sono un “copywriter” oppure in italiano sono un “redattore pubblicitario”, quale dei due termini è meglio trascrivere?

Altro esempio: “ho un team di persone che lavorano per una web comunication efficace” in questo caso è meglio adottare termini italiani tipo ho un gruppo, una squadra, di persone che lavorano per una comunicazione efficace nel web.

Vedete non è scrivere o parlare con termini inglesi che si risulta competenti e aggiornati, anzi, si rischia di risultare comici, come per il burocratese che si parlava la volta scorsa.

Attenzione con i sinonimi

Mi capita, nelle mie navigazioni in rete, di trovare altrettante frasi buffe che altri blogger scrivono mediante l’uso dei sinonimi. È vero che a scuola ci è stato sempre insegnato che è un grave errore ripetere le parole se si possono trovare sinonimi ma ricordiamoci che nel web bisogna scrivere per essere capiti in modo semplice e ottimale. Se è vero che al posto di certe parole inglesi possiamo trovare il suo fratello italiano, è anche vero che cercare a tutti i costi un sinonimo o addirittura più sinonimi per una certa parola risulta sconveniente perché si perde in qualità del testo.

Esempio: l’auto del Presidente della Repubblica … la vettura del Capo dello Stato … l’automobile del garante della Costituzione … il veicolo dell’uomo del Colle … e chi ne ha più ne metta! Vedete anche voi che è una ricerca forzata che cade nel ridicolo?

Per concludere:

  • Cercate di mettervi sempre nei panni di chi legge
  • rinunciate alle parole forbite o agli inglesismi se compromettono la qualità e la comprensibilità del testo  
  • cercate sempre di creare la soluzione che l’utente si aspetta di trovare nella lettura del vostro articolo.

©2017 Paolo Bua Corona

I termini inglesi

Potrebbe anche interessarti

Rispondi