Pubblicato in: Impariamo a promuoverci

La presentazione. Prima parte

la presentazione
foto presa da http://www.officineanimazione.it/

Rieccoci qui con il nostro arduo lavoro per far conoscere il nostro pargolo al resto del mondo. Allora dove eravamo rimasti? Ah sì, il blog e la presentazione.

Dunque per il blog vi indirizzo al ciclo di articoli che pubblico il giovedì per la presentazione vediamo di capire perché sono importanti.

La prima impressione

I primi secondi sono essenziali per presentare noi stessi, bisogna studiare un metodo che catturi l’attenzione del pubblico, dare un’ottima prima impressione. Per questo motivo prima di tutto bisogna dedicare una particolare cura all’introduzione. Il tutto si basa sulla relazione che vogliamo costruire con il nostro potenziale cliente che si comprerà la nostra copia felice e contento. Per prima cosa cerchiamo di sapere in anticipo chi verrà alle nostre presentazioni, io uso eventbrite che mi permette a grandi linee di sapere chi è interessato a partecipare; questo mi permette di intuire quale presentazione è più congeniale.

Dialogo

Io di solito punto a creare una conversazione con chi mi sta di fronte. Lo so, è normale, soprattutto le prime volte, creare un monologo balbettato per la timidezza… questo si supera con l’allenamento fatto a casa davanti allo specchio, ma ci ritorneremo. Siate semplici, non complicatevi la vita vi assicuro che è meglio riuscire a creare un rapporto con il pubblico che vi faccia domande piuttosto che avere sempre voi la parola per ascoltatori annoiati che sbadigliano.

Stimolare la curiosità

Più si incuriosiranno e più saranno attratti da voi quindi non abbiate paura ad intavolare una bella chiacchierata con i vostri inconsapevoli “fan”. Siate furbi, ricordate sempre il vostro obiettivo. Per esempio se vi fanno una domanda a cui in quel momento non vi viene la risposta adeguata, che fare? «… le darò risposta sul mio sito … ecc.» così capovolgete a vostro favore un momento di incertezza creando nuovo traffico per il sito, bella trovata no? 

La prossima volta vediamo assieme come ho costruito le mie presentazioni.

©2017 Paolo Bua Corona

Autore:

Mi ritengo un sarto musicofilo scrittore ma nella realtà mi diletto con ago e filo, strimpello il basso elettrico e scrivo di tutto ciò che la fantasia mi suggerisce.

Rispondi