Pubblicato in: scrittura creativa

Lavori in corso!

Ben ritrovati, allora avete risposto alle domande della scorsa settimana: quale messaggio voglio trasmettere e come trasmettere questo messaggio?

Ottimo, ora vediamo di scoprire un altro trucchetto importantissimo: costruiamo la trama!

Per prima cosa bisogna capire: cosa spinge il lettore a continuare la lettura del nostro futuro bestseller? Se per un momento lasciamo penna e calamaio e ci ritrasformiamo in lettori vi verrà spontanea la risposta: «mannaggia che bel libro voglio proprio vedere come va a finire!»

Bravi, è proprio questo il segreto che cercherò oggi di spiegarvi.

L’importante nella nostra trama è creare un protagonista valido con attributi maschili grandi così … anche se è donna! L’obiettivo che vuole raggiungere e un bell’ostacolo per il raggiungimento di questo obiettivo.

«Riuscirà il nostro eroe a raggiungere il suo obiettivo principale?»

Ultima cosa che dobbiamo dare al lettore è una risposta che può essere sì, no, forse! Basta comunque che la storia venga giustificata facciamo un esempio?

Ecco il nostro eroe in moto che schiva le auto in corsa per raggiungere la vittoria. Mancano pochi chilometri tra lui e la meta che lo porterà vittorioso verso il suo destino:  sposare la figlia del boss. Le aveva promesso che piuttosto di passare una vita senza di lei, avrebbe preferito la morte! Quella corsa dimostrava a fatti le sue parole, o tutto o niente!

Riuscirà il nostro eroe a vincere la gara e sposarsi la sua bella? Viene spontaneo chiederselo, allora continuiamo a leggere.

“… una curva, un rettilineo, un’altra curva a gomito ed eccolo lì, il temibile avversario con la sua Ferrari gialla come un pugno nell’occhio che si fa beffe del nostro eroe salutandolo con una mano fuori dal finestrino.

Il nostro eroe accelera accettando la sfida e in quella suona il cellulare. Accosta un attimo; nervoso prende il telefono dal taschino; un messaggio: «caro signore eroe la sua domanda di lavoro come autista di carri funebri è stata accolta se vuole può iniziare oggi stesso.»

Ed eccolo sfrecciare con il suo carro funebre ben contento di avere finalmente un lavoro.”

Secondo voi c’è qualcosa che stride? No, non intendo il rumore delle ruote del carro funebre sull’asfalto.

Siete sicuri che non manchi qualcosa? Se fossi lettore almeno mi chiederei «Si va be’ ma ora che ha trovato lavoro se la sposa la sua bella oppure no? Come finisce la corsa?»

Se il racconto finisce qui è una gran delusione non trovate? Se invece continua be’, se continua lo deciderete voi visto che vi lascio carta bianca per sperimentare.

Ricordatevi queste tre cose:

  • Il personaggio deve avere un obiettivo nella nostra storia che vuole portare a termine.

  • L’obiettivo che sia una missione valida per le capacità del nostro eroe mi raccomando.

  • L’ostacolo un avversario degno del nostro eroe, un bel conflitto interiore funziona sempre ma anche uno esteriore funziona egregiamente e se non avete idee di come raccontare una guerra basta guardarsi un paio di telegiornali di questi giorni, purtroppo. Comunque più tosto è l’ostacolo e più il lettore resta incollato sulle pagine, santa verità!

E ora tocca a voi giocare. Se volete finite il racconto del nostro eroe che lavora come autista-becchino oppure inventatevene una di sana pianta. L’importante è: osservare, leggere e scrivere ogni giorno!

Buon divertimento!

© 2017 Paolo Bua Corona

Autore:

Mi ritengo un sarto musicofilo scrittore ma nella realtà mi diletto con ago e filo, strimpello il basso elettrico e scrivo di tutto ciò che la fantasia mi suggerisce.

2 pensieri riguardo “Lavori in corso!

Rispondi