Pubblicato in: Scrivere per il Web

Titolo: come si crea?

titolo: come si crea?
foto presa dal sito http://www.alfredopini.com/ un grande artista che vi consiglio di andare a curiosare

Allora come vi è sembrato scrivere con il modello a “piramide rovesciata”? Vi trovate? Mi raccomando fatemi sapere tutti i vostri successi e difficoltà.

Il titolo per chi legge

Se vi ricordate ne parlai quando dovetti scegliere il titolo del mio libro di fantasia, rammentate? Un buon titolo deve suscitare curiosità e aiutare il lettore a capire il nucleo centrale del messaggio che fra poco inizierà a leggere. Ricordatevi che i lettori nel web sono frettolosi quindi è con il titolo che vi “giocate” l’utente.

Il titolo per chi scrive

Se non riuscite ad assegnare subito un titolo per il vostro scritto vuol dire essenzialmente due cose:

  • non avete scritto qualcosa di consistente da risultare così rilevante per chi legge. Probabilmente sarebbe il caso di tagliare delle parti di testo.
  • Avete scritto troppi argomenti da non riuscire a comprendere qual è il tema dominante. «… siete andati fuori tema» come vi direbbe la vostra anziana maestra delle elementari!

Io di solito finito l’articolo provo a leggere solo i titoli e i vari sottotitoli che compongono i paragrafi e capisco se sintetizzano bene il testo oppure c’è qualcosa da migliorare, se funziona con me, non vedo perché non dovrebbe funzionare anche con voi.

Alcuni consigli:

  • il titolo è un titolo! E come tale non deve superare le 50 battute spazi inclusi;

  • deve riuscire a suscitare interesse;

  • deve essere auto sufficiente in modo tale da far capire di cosa tratterà l’argomento;

  • giocate con le frasi interrogative, i lettori cercano risposte a dei quesiti, se azzeccate la loro domanda che gli ronza attorno, il più è fatto!

  • usate i tag html <h1> titolo principale <h2> i sottotitoli e avanti così …

  • ricordate le parole chiave!!! 

L’abstract: un breve riassunto.

Per concludere questo articolo spendiamo due righe sull’abstract che non è una delle magie lanciate da Harry Potter. Mettiamo il caso che il vostro articolo sia luuuungo, che ne direste di mettere tra il titolo e l’inizio dell’articolo un riassunto con un massimo di 50 parole per aiutare l’utente a capire se è entrato nella pagina giusta, oppure no? Una ideona, vero? Vediamo come strutturarla:

  • Rispondete alla domanda di un utente immaginario che vi chiede: «Di che parla il tuo articolo?»

  • Parole chiave al primo posto mi raccomando;

  • Avete poche parole non perdete spazio importante parlate di cose concrete, di fatti!

  • Mi raccomando scrivetelo sopratutto dopo aver finito l’articolo! Sembra ovvio ma tanto ovvio non è.

E con questo ho finito, come sempre se ci sono domande potete tranquillamente mandarmi una mail o scrivete un messaggio qui sotto e se vi ha incuriosito condividetelo con i vostri amici; aiutate me nel farmi conoscere e aiutate voi nelle prossime ricerche su internet che farete 🙂

© 2017 Paolo Bua Corona

Autore:

Credo che la fantasia sia uno strumento potentissimo per poter colorare la vita di tutti i giorni. Attualmente sono un copywriter, un blogger, un social media specialist, un collaboratore per alcuni giornali on line ma sopratutto sono un tizio a cui piace scrivere e provare meraviglia di tutto ciò che lo circonda, lasciando sempre spazio per un sorriso.

Rispondi