Pubblicato in: Impariamo a promuoverci

Una penna aiuta l’altra.

aiuto agli esordienti

Rieccoci di nuovo qui a scoprire che succede dopo la pubblicazione del libro. La volta scorsa vi ho parlato di come dovevo riuscire a farmi conoscere, oggi cerchiamo di rispondere a una domanda che poco tempo fa mi è stata posta da degli amici: ma l’editore non ti fa pubblicità, organizza eventi ecc ecc?

Tutto dipende se siete entrati in una grande casa editrice oppure avete preferito (per scelta o no) una casa editrice piccolina. La differenza fra le due è sopratutto il numero di persone che di solito ci lavorano.

In una casa editrice grande ci si aspetterà che abbia un ufficio stampa poi non è detto che per un esordiente si investi tempo e denaro comunque.

Io ho scelto un editore piccolino la Edizioni Giorgione per un motivo in particolare, ho visto nella persona dell’editore una figura che ispirava fiducia e la casa editrice era in linea con il mio pensiero…

Per quanto riguarda la promozione del libro in realtà Andrea Tralli (l’editore) riesce quasi sempre a partecipare agli incontri con l’autore a meno che non abbia già preso impegni con altri scrittori.

Il lavoro più grosso che la casa editrice deve svolgere, per me, è la distribuzione. Questo è il compito principale che a-s-s-o-l-u-t-a-m-e-n-t-e non deve mancare!

Senza questo, tutta la fatica che faremo nella pubblicità del nostro libro sarà vana (tranquilli in progetto ci sono articoli che vi aiuteranno a trovare il grande pubblico, ndr.)

Va bene, ma come ci si organizza?

Dunque un suggerimento che mi pare giusto darvi è chiedere l’iscrizione al mio gruppo facebook – una penna aiuta l’altra – , gruppo nato per creare una rete fitta di scrittori esordienti che vogliono presentare il loro libro in tutta Italia grazie all’aiuto dei colleghi sparsi nel territorio. Ci pensate? Non sarebbe una cosa meravigliosa proporsi fuori dal territorio di origine supportati da altri esordienti che vi aiuteranno nella presentazione e viceversa? Ebbene questa realtà esiste già 🙂

Ora vediamo insieme come organizzare un evento lasciando perdere la rete web, concentriamoci sulla vita reale.

La prima cosa che vi suggerisco è crearvi una bella lettera di presentazione (prossimamente la troverete nel gruppo di Facebook, ndr.) dove scriverete la sinossi del libro, una piccolo autobiografia e sopratutto la richiesta di poter partecipare a una presentazione. Questa lettera è obbligatoria per le biblioteche comunali mentre per le librerie o altri luoghi privati si può benissimo chiedere a voce, sempre con una copia del libro in mano ovviamente 🙂

Vi ricordo che la promozione del libro serve sopratutto a farvi conoscere almeno all’inizio… del resto è il vostro primo libro siate soddisfatti se riuscite a entrare nelle spese senza perderci!! Cercate di proporre il vostro lavoro agli amici, ai familiari, nel vostro quartiere, non dovete aver paura al massimo le persone a cui chiederete di acquistarne una copia, possono dirvi di “no”, anche se sono sicuro che sarà difficile che succeda… e un’altra cosa firmate con dedica i vostri libri, divertitevi siate sorridenti! Ricordatevi sempre il traguardo raggiunto, avete scritto un libro siete riusciti a farlo pubblicare, siate felici!

© 2017 Paolo Bua Corona

Autore:

Mi ritengo un sarto musicofilo scrittore ma nella realtà mi diletto con ago e filo, strimpello il basso elettrico e scrivo di tutto ciò che la fantasia mi suggerisce.

Rispondi